Ai piedi del Vioz 2010 - 15' edizione

 
15° Raduno scialpinistico in notturna
 
"Ai piedi del Vioz"

Peio 5 febbraio 2010
 
Ennesimo record di iscritti per la quindicesima edizione del raduno sci alpinistico in notturna Ai piedi del Vioz organizzato dalla Sezione SAT di Peio, con ben 978 atleti pronti a percorrere i sette chilometri di salita con mille metri di dislivello da Peio Fonti al Doss dei Gembri. Purtroppo però per il secondo anno consecutivo il tempo ci ha messo lo zampino e venerdì scorso a causa della nevicata che ha imbiancato tutta la provincia 270 concorrenti non hanno potuto presentarsi alla partenza. Nonostante ciò in più di 700 si sono confrontati nel raduno intitolato alla memoria di Roberto Casanova, sotto una leggera nevicata che ha reso il percorso molto suggestivo.  Dopo un apprezzato mini concerto del Corpo Bandistico locale e la partenza da Peio Fonti, la lunga fila di sci alpinisti ha risalito la buia Val Taviela per arrivare al ristoro di Stavelin, gradito in particolar modo dai concorrenti meno allenati, per proseguire poi lungo la meno impegnativa pista Gembri, sbucare in località Saroden e poi finalmente all’arrivo del Dos dei Gembri. A presentarsi solitario per primo a traguardo è stato Guido Pinamonti del Bogn da nia nel tempo di 44 minuti e 42 secondi e già vincitore nel 2008; al secondo posto Loris Panizza dei Sizeri SAT Vermiglio che ha preceduto Marco Facchinelli (G.S. L’ Arcobaleno), Alex Salvadori (Alpin Go Val Rendena) e Thomas Martini (Brenta Team) che non è riuscito a bissare il successo dello scorso anno. Bis che è invece riuscito a Emma Menapace (Brenta Team) che si è presentata al traguardo in 58.54 precedendo la giovane e promettente Elena Nicolini (SAT Molveno), Barbara Zambotti (Brenta Team), Chiara Maestri (Alpin Go Val Rendena) ed Elisabetta Mattevi (SAT Cles) già vincitrice del raduno nel 1997, 1999 e 2000. Ottimo tempo anche per il primo Under 18, Stefano Bertolini dei Sizeri SAT Vermiglio in 53 minuti e 52 secondi. Anche quest’anno il raduno, come ricordato dal presidente della SAT di Peio Giambattista Framba durante la premiazione, ha visto impegnati, sotto la ormai collaudata regia del responsabile organizzativo Emilio Comina, il Soccorso Alpino, i Vigili del fuoco, l’Ufficio Turistico di Peio Fonti, l’ANA Val di Peio e numerosi altri volontari. Oltre all’impegno del volontariato è di vitale importanza la collaborazione logistica da parte della Pejo Funivie e l’impegno economico della Cassa Rurale Alta ValdiSole e Pejo, del Comune di Pejo, del BIM e di numerosi sponsor quali il Parco dello Stelvio, la locale Famiglia Cooperativa, Caserotti Sport e numerose altre aziende. Durante la premiazione, a cui hanno preso parte il Sindaco di Peio Angelo Dalpez, il Presidente della Cassa Rurale Romedio Menghini e il comandante dei Vigili del Fuoco William Taraboi, oltre ai concorrenti primi classificati nelle categorie femminile, maschile e Under 18, sono saliti sul palco i sette atleti sempre presenti a tutte le quindici edizioni del raduno (Livio Casanova, Mirco Zanella, Gianfranco Marini, Andrea Debiasi, Ernesto Molignoni, Ubaldo e Danilo Bertolini), Lisa Moreschini classe 2001 (SAT Peio) quale concorrente più giovane e un applauditissimo Adelchi Brachetti classe 1929 della SAT Molveno. Il raduno ha visto l’assegnazione del trofeo biennale non consecutivo “6° Memorial Roberto Casanova” a ricordo del giovane sci alpinista di Peio, fratello dell’attuale gestore del rifugio Vioz, perito nel 1993 sotto una valanga in alta Val de la Mite. Come quasi sempre è accaduto nelle passate edizioni il prestigioso trofeo è andato al gruppo dei Sizeri SAT Vermiglio presenti a Peio con 95 atleti, davanti ai sempre numerosi e appassionati amici dell’AlpinGo Val Rendena e allo Ski Alp Val di Sole. Anche il raduno Ai piedi del Vioz è inserito all’interno del circuito “Raduni Valli del Noce” che da qualche ha anche uno scopo di solidarietà; un euro per ogni iscritto di ogni raduno viene infatti devoluto in beneficienza ad un’iniziativa proposta a turno dai vari comitati organizzatori; quest’anno è toccato alla SAT Peio decidere a quale iniziativa devolvere il ricavato ed è stata scelta la missione di Padre Dario Monegatti in Nuova Guinea.  Probabilmente Padre Dario tornerà a Peio dalla sua missione a fine marzo per un periodo di riposo e ci sarà quindi l’occasione per consegnare a lui direttamente il ricavato dell’ iniziativa “Scialpinismo e Solidarietà”. Tutte le informazioni sul raduno e su questa iniziativa sono disponibili sul sito internet www.satpeio.it.
Articolo publicato da Alberto Penasa (Speaker della premiazione) su Fondo SKIALP.it
La fitta nevicata non ha ostacolato la quindicesima edizione del suggestivo raduno sci alpinistico in notturna “Ai piedi del Vioz  - Memorial Roberto Casanova“, organizzato in Val di Peio dall’attiva sezione Sat locale con la preziosa collaborazione di Soccorso Alpino, Gruppo Ana Val di Peio, Ufficio Iat Peio Fonti e Pejo Funivie Spa. La collaudata manifestazione nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio ha visto infatti al via ben 720 tra atleti e semplici appassionati degli sci con pelli di foca, che hanno affrontato il tradizionale tracciato con partenza in linea a Peio Fonti, nota località termale a quota 1350 metri, ed arrivo presso i 2313 metri di altitudine del rifugio Doss dei Gembri, risalendo lungo le piste Talenta e Gembri. Dopo circa 6 km di percorso il primo atleta a giungere al traguardo in località Piani del Vioz è stato l’esperto noneso Guido Pinamonti, portacolori della squadra ladina Bogn da Nia; il forte sci alpinista di Tassullo, plurivincitore stagionale nei raduni sci alpinistici locali, ha siglato il tempo di 44’42”, precedendo di 29 secondi l’emergente Loris Panizza (Sizeri Vermiglio); sul terzo gradino più basso del podio maschile il forte lagarino Marco Facchinelli (L’Arcobaleno), che ha preceduto di un soffio i giovani Alex Salvadori (Alpingo Val Rendena) e Thomas Martini (Brenta Team). Pronostico rispettato anche tra le donne, con il perentorio successo dell’esperta atleta di Tuenno Emma Menapace  (Brenta Team), che ha distanziato di quasi 4 minuti la giovane Elena Nicolini (Sat Molveno) e l’esperta compagna di squadra Barbara Zambotti. Ai piedi del podio femminile le costanti atlete Chiara Maestri (Alpingo Val Rendena) ed Elisabetta Mattevi (Sat Cles). Il prestigioso trofeo societario “6° Memorial Roberto Casanova”, biennale non consecutivo e messo in paio in ricordo di un giovane locale prematuramente scomparso per una tragedia in montagna, è stato assegnato al gruppo Sizeri Sat Vermiglio, presente con ben 93 atleti alla suggestiva manifestazione al chiaro di luna. Premiati anche il vermigliano Stefano Bertolini, migliore atleta under 18, ed i sette “senatori”che hanno svolto tutti i 15 raduni notturni ai piedi del Vioz. Importanti riconoscimenti anche per il concorrente  più vecchio (Adelchi Brachetti, classe 1929) e per i concorrenti più giovani: Chiara Moreschini, Davide Boscia e Valentino Podetti (classe 1999) e Lisa Moreschini, classe 2001. Da segnalare che il suggestivo raduno della Val di Peio, così come il prestigioso circuito di appartenenza, i “Raduni sci Alpinistici delle Valli del Noce”, partecipa all’importante iniziativa benefica “Sci alpinismo e solidarietà”: per ogni concorrente è stato infatti devoluto un euro in beneficenza a favore delle importanti attività di Padre Dario Monegatti, missionario originario di Peio e da 40 anni attivo nella povera provincia di Madang in Nuova Guinea.

CLASSIFICHE
MASCHILE: 1) Pinamonti Guido (Bogn da Nia) 44’42”; 2) Panizza Loris (Sizeri Vermiglio)  45’11”; 3) Facchinelli Marco (Gs L’Arcobaleno) 46’21”; 4)  Salvadori Alex (Alpin Go Val Rendena) 46’37”; 5) Martini Thomas (Brenta Team) 47’00”, 6) Radovan Matteo (Sizeri Vermiglio) 47’15”; 7) Marini Gianfranco (Adamello Ski Team) 47’38”; 8 Mengon Luca (Sat Rabbi) 48’11”; 9) Casanova Livio (VVFF Peio) 48’17”; 10) Graziadei Mattia (Brenta Team) 48’28”.
FEMMINILE: 1) Menapace Emma (Brenta Team) 58’54”; 2) Nicolini Elena (Sat Molveno) 1h02’28”; 3) Zambotti Barbara (Brenta Team) 1h04’15”; 4) Maestri Chiara (Alpin Go Val Rendena) 1h06’13”; 5) Mattevi Elisabetta (Sat Cles) 1h06’24”; 6) Bertolini Carola (Sizeri Vermiglio) 1h08’58”; 7) Derù Loretta (Sc Valcampelle) 1h09’03”; 8) Cozzini Michela (Alpin Go Val Rendena) 1h09’29”; 9) Pontirolli Claudia (Ski Alp Val di Sole) 1h10’15”; 10) Iachelini Federica (Sizeri Vermiglio) 1h12’10”
 
****************************


Iniziativa di solidarietà 2010
devoluzione di 1 euro per ogni iscritto di ogni raduno

 

La SAT di Peio devolverà i fondi raccolti attraveso l'iniziativa di solidarietà condivisa con tutti i comitati organizzatori dei raduni alla missione di padre Dario Monegatti, missionario di Peio che opera ormai da quasi quarant'anni in Nuova Guinea e attualmente più precisamente presso la Catholic Mission Kwanga nella provincia di Madang. Pur tornando a Peio per pochi mesi solo ogni 4-5 anni è ancora fortemente radicato in lui l'amore per la sua terra e per le sue montagne.
Negli ultimi otto anni in Nuova Guinea c'è una sanguinosa guerra civile che porta a disordine e sofferenze per tutto lo stato; anche i contatti sono molto difficili e la corrispondenza spedita da noi impiega almeno un mese ad arrivargli; i villaggi infatti sono sprovvisti di strade, energia elettrica, telefono ecc ... per raggiungere la sua missione serve una giornata di jeep su strade sterrate e due giorni di fiume con un'imbarcazione a motore.
Le persone che padre Dario sta aiutando vivono all'interno della foresta con il poco che riescono a coltivare, rifiutando la civiltà che ha portato solo guerre e malattie; tramite una personalità politica è riuscito a portare nei villaggi una tenda medica per curare numerose persone. 
I fondi che riusciremo a raccogliere saranno da lui utilizzati per mandare i ragazzi a studiare nelle città "vicine", perché possano poi tornare ad insegnare ai più piccoli.